Cassonati e centinati a confronto

  • Cassonati e centinati a confronto

    Il lavoro della Grande Trasporti si basa essenzialmente sull’utilizzo di semirimorchi cassonati, mezzi dotati di sponde esterne amovibili di altezza variabile.

    Un cassonato è sostanzialmente un semirimorchio con sponde esterne di altezza (nel nostro caso) variabile tra i 60 e gli 80 cm.  Ha una lunghezza utile caricabile di mt 13.60, una larghezza di carico variabile tra i 240 e i 250 cm e un’altezza che dipende dal tipo di telaio e dalle gomme e che varia dai 100 ai 145 cm.

    Vantaggi del cassonato

    Il vantaggio del cassonato rispetto al suo cugino centinato è che le operazioni di carico e scarico sono favorite dal fatto che non ci sono sovrastrutture, come la centina, all’interno della quale vanno posizionati i pezzi da caricare. Soprattutto se si carica dall’alto o a mezzo gru il cassonato permette carichi più sicuri e veloci rispetto ai centinati.

    Rispetto al centinato si possono sfruttare in pieno la larghezza e la lunghezza del semirimorchio.

    Immaginiamo di dover caricare un normalissimo container da 40 piedi. Caricarlo sul centinato o è impossibile o nel migliore dei casi sarà assai laborioso e richiederebbe alcune ore.

    Lo stesso container invece è caricabile in pochi secondi sul mezzo cassonato.

    Differenze con il centinato

    Lo svantaggio del cassonato rispetto al classico semirimorchio centinato è che la merce non viaggia protetta da una struttura (la centina) sui cui è posizionato il telo. Nel caso del cassonato la merce può essere coperta ma spesso la copertura avviene con i teli a contatto. Cioè il telo poggia direttamente sulla merce e questo per determinati prodotti può essere un handicap sia in termini di igiene (i teli del camion non sono tovaglie di pizzo), sia perché il telone a contatto in particolari condizioni climatiche può creare fenomeni di condensa dell’umidità che possono danneggiare alcuni tipi di prodotto.

    Per ovviare al problema del telo a contatto molti cassonati hanno montato la cosiddetta capannina. Ovvero una struttura di ferro a forma di archetti montata sul semirimorchio nella parte anteriore, nel mezzo e all’estremità posteriore su cui poi l’autista adagerà il telo.

    Perché consigliamo il cassonato

    In sostanza, riteniamo che i vantaggi rispetto alla scelta di preferire questa tipologia di mezzi siano molti di più e siamo certi che anche i nostri clienti ne apprezzeranno i risultati: trasporto più rapido e sicuro e operazioni di carico e scarico più agili e veloci!

    Leave a comment

    Required fields are marked *